Domenica da alti e bassi per l’under 12

Un Under 12 sotto tono Domenica a Campo di Marte. I piccoli falchi affrontano tre partite, la prima contro i compagni di Città di Castello, dove il Foligno parte in ritardo, risvegliandosi solo nel secondo tempo, cercando di risollevare il risultato ma tutto ciò non basta e l’incontro va agli avversari. Nel secondo incontro il Foligno affronta una formazione mista fra Gubbio e Orvieto, dove gli azzurri riescono abbastanza bene a sviluppare il gioco, spostando la palla e occupando lo spazio, i folignati riescono a portare a casa la vittoria. Totale blackout nel terzo e ultimo match contro i pari età del Perugia Junior, forse per colpa del freddo, i falchetti si arrendono e gli regalano il match.
“Sicuramente non è stata la migliore prestazione della squadra, però siamo usciti dal campo imparando nuove cose, e questo per me è soddisfacente. Abbiamo imparato che a rugby si gioca nonostante il fango, il freddo ed il clima avverso e che quest’ultimo non può essere scusante se la prestazione non è soddisfacente. Mi devo complimentare con Pietro Margini e Matteo Cerrito, soprannominati “i nuovi fratelli Bergamasco”, al primo anno nella categoria, che però stanno diventando due solide fondamenta della squadra, e che oggi hanno tenuto duro per tutto il concentramento nonostante la giornata difficile per tutti.” Queste sono le parole di Marian Neagos allenatore dell’Under 12.