Under 14: Dopo un’intensa preparazione, Domenica ci sarà la prima uscita stagionale in quel di Prato

Dopo la prima uscita vittoriosa della seniores in quel di Gemona del Friuli, è tempo di debutto stagionale anche per l’under 14 guidata da coach Marian Neagos; i giovani falchetti saranno di scena questa Domenica nel torneo nazionale under 14 “Giuseppe Malpaganti” a Prato, un’occasione per preparare al meglio gli appuntamenti di campionato e i tornei che si disputeranno nel corso dell’anno. Coach Neagos non nega la curiosità di vedere i suoi in campo dopo una lunga fase di preparazione di una squadra molto cambiata rispetto alla scorsa stagione con molti ragazzi al primo anno nella categoria provenienti dall’under 12. ” Il torneo di Prato sarà il primo test stagionale, sarà un’occasione per capire la nostra tenuta fisica dopo la preparazione; abbiamo iniziato a sudare il trenta di agosto a Campo di Marte con il lavoro molto spostato a favore della parte atletica, poi, dopo il ritiro a Valtopina, abbiamo cominciato a lavorare anche sulla parte tecnica. Il torneo che andremo a disputare sarà di alto livello, possiamo mettere in campo quanto provato in allenamento. ” Che tipo di lavoro hai svolto con i ragazzi in questa fase di pre-season? ” Mi sto concentrando molto sulle basi tecniche, sia in attacco sia in difesa, l’obiettivo per questa stagione è quello di ampliare il bagaglio tecnico di base di ogni ragazzo per far si che al termine della stagione ognuno di loro possa essere un giocatore più completo.” Un’under 14 che riparte dai ragazzi al secondo anno di categoria con la novità di molti altri saliti dall’under 12, che squadra può diventare nel corso dell’anno? ” Numericamente siamo cresciuti molto, oltre ai ragazzi provenienti dalla 12 ci sono anche dei nuovi ragazzi che iniziano quest’anno a giocare, avere un bel gruppo nutrito ci permette di lavorare meglio durante la settimana. all’interno della squadra ci sono ragazzi con ottime qualità individuali, l’obiettivo è quello di aumentare queste qualità in ogni ragazzo, lavorando duramente sugli aspetti tecnici del gioco , tanto da poterle mettere a disposizione per creare un ottimo gioco corale; i ragazzi, che hanno già giocato insieme nelle precedenti categorie, hanno dimostrato sin dai primi allenamenti di essere un gruppo coeso e molto affiatato, un particolare non di poco conto per creare le condizioni favorevoli per disputare un’ottima annata. Allenare questa squadra sarà molto stimolante viste le premesse iniziali.”