Coach Missimei e Federico Botti: ” Avvio lento ma bravi a reagire nella ripresa”

Nel post partita del match Foligno Rugby vs Spoleto terminato 22-17 a favore dei padroni di casa, arriva il primo commento a caldo di coach Missimei. ” E’ stata una partita difficile giocata da entrambe le squadre ad alta intensità, una partita intensa più di quanto ci si poteva aspettare alla vigilia, merito di uno Spoleto combattivo e colpa di un nostro inzio lento. Nella ripresa siamo ripresa siamo riusciti a cambiare ritmo ma resta il fatto che dobbiamo migliorare molto nell’approccio. Nel finale di partita abbiamo pagato la stanchezza dovuta al grande sforzo che abbiamo dovuto fare nel recuperare diverse volte il campo a causa di troppi falli commessi che ci hanno fatto perdere tanti metri quando eravamo in situazioni di giovo favorevoli. Possiamo migliorare nel gioco in touche mentre sono molto soddisfatto di come abbiamo giocato in mischia chiusa e del lavoro che sta svolgendo Davide Luzzi con l’intero pacchetto di mischia.”
Non soddisfatto per l’avvio  del Foligno anche Federico Botti.” Siamo partiti male, forse abbiamo sottovalutato i nostri avversari che invece hanno giocato un buon match, non possiamo permetterci errori di superficialità come questo; nella ripresa la musica del match è cambiata, abbiamo ribaltato il match e siamo riusciti a conquistare la vittoria e un prezioso punto di bonus. Abbiamo tenuto spesso il possesso del gioc ma soprattutto nel primo tempo siamo stati poco concreti commettendo molti falli nei momenti decisivi dell’azione. Soddisfatto di come abbiamo giocato in mischia chiusa, dove siamo riusciti sempre a mettere in difficoltà i nostri avversari tanto da mettere a segno anche una meta tecnica di mischia, in touche siamo riusciti a recuperare alcuni palloni capendo bene le intenzioni dei nostri avversari anche se con il duro lavoro possiamo ancora crescere in questo aspetto del gioco. Nel finale abbiamo subito due mete per aver fatto poca attenzione nel posizionarci in difesa e nel reagire con i giusti tempi al loro gioco con i trequarti. “