Under 8, coach Sbrancia” Il Minifestoval sarà una giornata fantastica per i bambini”

“Per i bambini è importante sentirsi al centro dell’attenzione, il MInifestoval è pensato per i bambini e per riempirli di attenzioni, è l’evento ideale per loro .” Queste le parole con cui Mattia Sbrancia, tecnico dell’under 8, descrive la settima edizione del “MInifestoval Luigi Coraggi” immedesimandosi con i bambini. “ Sarà un’occasione molto importante , anno dopo anno possiamo confrontarci con realtà che provengono da altre regioni; dai bambini, come in ogni torneo, mi aspetto il massimo dell’impegno, come sono sicuro che accadrà.” Cosa ti aspetti da questo torno e, cosa possono fare i bambini? “ Non mi concentrerei più di tanto sugli avversari che andremo ad affrontare, mi piacerebbe vedere una crescita collettiva del gruppo, che i bambini ricordino in partita, i principi insegnati in allenamento nel corso dell’anno; in questi giorni li vedo molto carichi ed entusiasti all’idea di giocare davanti ad una bellissima cornice di pubblico, con tutti i genitori pronti ad incitarli, giocando insieme a molti altri bambini.” Come sta procedendo l’annata della squadra? Sei soddisfatto del percorso fatto fino ad ora? “ Nel corso dell’anno c’è stato un apprendimento generale significativo da parte di tutto il gruppo; i bambini hanno fatto un grande step nell’apprendere i principi base del gioco del rugby, soprattutto sono cresciuti nella conoscenza del giusto spirito di squadra, necessario per imparare a giocare a rugby. “ A livello personale, quanto è importante allenare ragazzi così giovani e quale emozione si prova nel vederli crescere? “ Sono molto fiero di imparare a giocare insieme a loro, l’allenamento è anche per noi che alleniamo, la soddisfazione più grande è, vederli crescere e, allo stesso tempo, crescere insieme a loro.Con bambini di questa età, è importantissimo creare un collegamento forte visto che devono imparare a fidarsi dell’allenatore per imparare il gioco del rugby e, in generale, il gioco di squadra; per questi motivi, il legame deve essere molto forte e va’ costantemente alimentato, bisogna saper scegliere quando stare con loro, oppure, quando mettersi davanti a loro.”