Davide Luzzi, coach Seniores: “ Felici di ripartire, ora massimo impegno in allenamento”

Ad una settimana esatta dalla ripresa degli allenamenti con contatto, nel gruppo squadra della seniores ci sono emozioni e sensazioni forti; la felicità per un ritorno completo al gioco del rugby, una normale disabitudine a certi meccanismi messi in disparte per un anno ma allo stesso tempo una grande voglia di riprendere il cammino agonistico che porterà al ritorno alle competizioni. Movimenti, sensazioni e aspetti tecnici fatti sotto la guida di coach Davide Luzzi, molto attento e curioso nel rivedere la squadra all’opera non soltanto in esercizi aerobici ma anche nel provare situazioni di gioco. 

“ Siamo molto felici di essere ripartiti, d’ora in avanti possiamo tornare a parlare di rugby in campo, organizzando il lavoro settimanale e non solo ipotizzando sulla carta, ovviamente, come era lecito aspettarsi, si sente la mancanza prolungato dal prato verde, ora bisogna ritrovare i giusti automatismi fisici e tecnici; da un punto di vista mentale stiamo ricercando la giusta motivazione per tornare a competere in una stagione che inizierà con notevole ritardo in un percorso molto breve ed intenso.”

Da dove si riparte dopo un periodo così particolare, come si riesce a pensare al campo in un momento davvero difficile nel quotidiano? 

“ Nell’organizzare la stagione non possiamo esimerci dal considerare tutte le difficoltà ancora presenti che abbiamo passato e continuiamo  a vivere al di fuori di Campo di Marte, la settimana scorsa abbiamo aumentato le presenze al campo e speriamo che a breve altri giocatori riescano ad organizzarsi per tornare, stiamo ripartendo dalle basi per tornare ai livelli pre pandemia; siamo consapevoli che per quest’anno le aspettative non potranno essere le stesse di una stagione ordinaria, come tutte le raltà abbiamo delle difficoltà da affrontare, visto il momento non me la sento di pensare a lungo termine, dovremmo essere bravi nel garantire di volta in volta di esprimerci al massimo delle nostre possibilità del momento.”

L’inizio del campionato è vicino, in che stato di forma si potrà presentare la squadra tra un mese?

“ Ai primi di giugno, al momento dell’inizio del campionato non potremmo essere in uno stato di forma ottimale, c’è bisogno di tempo per amalgamare il gruppo e soprattutto dare continuità tecnica, la costanza negli allenamenti sarà fondamentale. Al momento la cosa più importante è sapere di poter tornare a giocare, grandi meriti vanno alla società per l’impegno profuso mettendo in moto tutta la macchina organizzativa necessaria per applicare alla regola i protocolli.”